Fukushima: le notizie di dicembre 2013

Nonostante Fukushima, il governo giapponese rimane favorevole al nucleare. Alla centrale devastata TEPCO registra nuovi record dei livelli di radiazione.

Costruzione di un canale di drenaggio alla centrale nucleare Fukushima Daiichi, 27 dicembre 2013. Fonte: TEPCO.

Ultimo aggiornamento: 30 dicembre 2013

STATO DI FUKUSHIMA DAIICHI
A quasi tre anni dall’inizio della crisi nucleare, ogni mese, alla centrale Fukushima Daiichi, si registra un nuovo record dei livelli di radioattività.
Il 6 dicembre Tokyo Electric Power Co (TEPCO), il gestore della centrale devastata, ha comunicato di aver misurato 25 sievert all’ora vicino ai reattori 1 e 2. Si tratta del più alto livello di radiazione registrato in un luogo all’aperto della centrale. 1,8 milioni di becquerel per litro d’acqua è invece il record di radiazioni rilevate il 12 dicembre in un pozzo vicino al reattore 2 della centrale. La lettura riguarda stronzio-90 e altre fonti di raggi beta.

DECONTAMINAZIONE DELLE ZONE DI EVACUAZIONE
I comuni della prefettura di Fukushima compresi nelle zone di evacuazione sono 11.
I lavori di decontaminazione, iniziati nel 2012, si sono conclusi a Tamura. A Naraha e Kawauchi dovrebbero concludersi nel marzo 2014, e a Minami-Soma, Iitate, Kawamata, Katsurao, Namie e Tomioka si concluderanno fra tre anni.
A Futaba e Okuma, i due comuni che ospitano la centrale di Fukushima, l’opera di decontaminazione è ancora in fase di pianificazione e non è prevista una data in cui i lavori potranno concludersi a causa degli alti livelli di radiazioni.

Reuters ha realizzato un reportage sul reclutamento dei senzatetto giapponesi, che vengono impiegati come manodopera a basso costo nei lavori di bonifica delle zone contaminate.

POLITICA E INFORMAZIONE
Il governo del Giappone ritiene che, nonostante il disastro nucleare di Fukushima, il paese dovrebbe continuare a utilizzare l’energia nucleare come fonte di energia principale.
Il parlamento giapponese ha varato tra le proteste una severa legge sul segreto di stato che indebolirà l’informazione.


RASSEGNA STAMPA
Le principali notizie pubblicate dai media internazionali sulla crisi nucleare di Fukushima:

  • Senzatetto giapponesi reclutati nell’ombra per bonificare Fukushima
    Gli uomini senza fissa dimora che frequentano la stazione di Sendai, vengono reclutati come manodopera a basso costo dai subappaltatori incaricati delle operazioni di bonifica dei territori contaminati dall’incidente nucleare di Fukushima. Questa categoria di operai è sottopagata ma il giro d’affari è lucroso per gli intermediari.
    Mari Saito, Antoni Slodkowski e altri, Special Report – Japan’s homeless recruited for murky Fukushima clean-up. Reuters, 30 dicembre 2013.

  • Altri tre anni di lavori per decontaminare alcuni comuni di Fukushima
    Il Ministero dell’Ambiente giapponese ha deciso di estendere fino a un massimo di altri tre anni la durata dei lavori di decontaminazione nei comuni di Minami-Soma, Iitate, Kawamata, Katsurao, Namie e Tomioka.
    Nel comune di Tamura l’opera di decontaminazione è stata completata a giugno e, salvo imprevisti, entro il 31 marzo i lavori dovrebbero concludersi anche nei comuni di Naraha e Kawauchi. A Futaba e Okuma, i due comuni che ospitano l’impianto nucleare devastato di Fukushima, a causa degli alti livelli di radiazioni, la decontaminazione è ancora in fase di pianificazione e non è prevista una data in cui i lavori potranno concludersi.
    La decontaminazione degli 11 comuni della prefettura di Fukushima compresi nelle zone di evacuazione è iniziata nel 2012 e secondo i piani del governo si sarebbe dovuta concludere nella primavera del 2014. Le ragioni dei ritardi sono dovute alla mancanza di strutture in cui raccogliere i detriti radioattivi e ai diversi gradi di contaminazione dei territori, che vanno da meno di 20 millisievert all’anno a 50 millisievert.

    Hirohiko Nakamura, Fukushima decontamination effort extended up to 3 years. Asia & Japan Watch, 24 dicembre 2013.

  • Livelli di radiazioni record in un pozzo della centrale di Fukushima
    1,8 milioni di becquerel per litro d’acqua è il record di radiazioni rilevate il 12 dicembre in un pozzo vicino all’edificio del reattore numero 2 della centrale nucleare Fukushima Daiichi. La lettura riguarda stronzio e altre fonti di raggi beta.
    Asahi Shimbun, Record radiation levels detected in well at Fukushima nuke plant. Asia & Japan Watch, 14 dicembre 2013.

  • Alla centrale di Fukushima record dei livelli di radiazioni all’aperto

    Tubo di scarico dei reattori 1 e 2 della centrale nucleare Fukushima Daiichi, 22 novembre 2013. Fonte: TEPCO.

    Il 6 dicembre TEPCO ha comunicato di aver rilevato 25 sievert all’ora vicino al tubo di scarico dei reattori 1 e 2 della centrale nucleare Fukushima Daiichi. Si tratta del più alto livello di radiazione misurato in un luogo all’aperto dell’impianto devastato.
    Asahi Shimbun, Record outdoor radiation level detected at Fukushima plant. Asia & Japan Watch, 7 dicembre 2013.

  • Più del 60% degli sfollati di Fukushima non crede di poter tornare a casa
    Secondo un sondaggio del governo, più del 60% degli abitanti delle città di Okuma e Futaba non sperano di poter tornare nelle loro case. Okuma e Futaba sono i due comuni su cui sorge la centrale nucleare Fukushima Daiichi.
    Asahi Shimbun, Over 60% of evacuees from Fukushima towns don’t plan to return home. Asia & Japan Watch, 7 dicembre 2013.

  • Il Giappone vara una severa legge sul segreto di stato
    Il Giappone ha varato una nuova legge sul segreto di stato che inasprisce le sanzioni fino a 10 anni di carcere per i funzionari che rendono pubbliche informazioni riservate e fino a 5 anni per i giornalisti che ne favoriscono la diffusione. La legge è stata approvata frettolosamente nonostante le proteste pubbliche e le critiche secondo cui il provvedimento servirebbe ad imbavagliare i media e a nascondere i misfatti delle autorità.
    Linda Sieg e Kiyoshi Takenaka, Japan enacts strict state secrets law despite protests. Reuters, 6 dicembre 2013.

  • Il nucleare resta una fonte energetica importante per il Giappone
    Secondo la commissione governativa giapponese che sta sviluppando il piano energetico del paese, il Giappone dovrebbe continuare a utilizzare l’energia nucleare come fonte di energia principale, nonostante il disastro nucleare di Fukushima.
    Mari Yamaguchi, PANEL: Nuclear to remain key Japan energy source. Associated Press, 6 dicembre 2013.

  • PAGINE CORRELATE
    Osservatorio sulla crisi nucleare a dicembre 2013.
    ● Vedi anche la raccolta di notizie e analisi pubblicate dal marzo 2011.



    This material is Open Content

    Creative Commons License
    Tranne dove diversamente indicato, questa pagina è disponibile con licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0.

    Annunci

    Informazioni su Backyard World

    Backyard World is an art and information architecture project on the Fukushima crisis. The project was started March 17, 2011.
    Questa voce è stata pubblicata in Notizie (2013) e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...