Street View nella zona fantasma di Fukushima

Street View entra nella zona di evacuazione intorno a Fukushima Daiichi.

Un uomo a 200 metri dall’ingresso principale di Fukushima Daiichi, giugno 2013. Fonte: Google Street Vew.

Dopo aver ricevuto molte richieste da parte degli abitanti delle zone evacuate in seguito all’incidente nucleare di Fukushima, Google Japan ha realizzato, tra aprile e agosto 2013, la mappatura fotografica di otto comuni della prefettura di Fukushima inclusi nelle zone di evacuazione (1).

Dal 4 settembre 2013 è quindi possibile visitare su Street View la zona fantasma intorno alla centrale nucleare di Fukushima Daiichi, che comprende 11 comuni: Tamura, Naraha, Kawauchi, Minami-Soma, Iitate, Kawamata, Katsurao, Namie, Tomioka, Futaba e Okuma.
Trattandosi di luoghi inabitati, la presenza umana è molto rara, e percorrere le strade di questa zona rurale abbandonata è un’esperienza desolante e surreale.

Steet View arriva fino alla centrale nucleare Fukushima Daiichi.
Sulla strada che conduce alla centrale, a circa 200 metri dall’ingresso principale dell’impianto, c’è un addetto al traffico, anziano come tutti quelli che hanno questa mansione nei cantieri giapponesi.
Sulla parete dell’edificio sullo sfondo dell’immagine, si vedono le insegne delle principali aziende che operano nell’impianto devastato di TEPCO, tra cui le giapponesi Hitachi, Mitsubishi, Toshiba, e il colosso francese Areva.

L’immagine risale al giungo 2013, l’uomo indossa una tenuta di protezione dalle radiazioni, ma non ha una maschera protettiva adeguata al posto in cui si trova: il suo viso è coperto da una semplice mascherina di carta.

L’ingresso principale della centrale nucleare Fukushima Daiichi. Okuma, giugno 2013. Fonte: Google Street View.

Secondo i dati (2) pubblicati da Tokyo Electric Power Co (TEPCO), il gestore della centrale, a giugno 2013 la dose di radiazione all’ingresso principale di Fukushima Daiichi era di circa 15 μSv/h.

Più o meno da quando è stata approvata la nuova e severa legge giapponese sul segreto di stato (3), che entrerà in vigore entro il 2014, alcune delle immagini di Street View intorno a Fukushima Daiichi, come quelle pubblicate in questo articolo, non sono più disponibili.


NOTE
Ultimo aggiornamento: marzo 2014.
Questo articolo è in parte basato sulle informazioni pubblicate da queste fonti:
1. Miho Tanaka, Google Street View goes inside Fukushima evacuation zones. Asia & Japan Watch, 5 settembre 2013.
2. Radiation dose measured in the Fukushima Daiichi Nuclear Power Station 2013. Tokyo Electric Power Co, 2013.
3. Linda Sieg e Kiyoshi Takenaka, Japan enacts strict state secrets law despite protests. Reuters, 6 dicembre 2013.


ARTICOLI CORRELATI
• Fabrice de Nola, Futuro radioso. Backyard World, 16 dicembre 2013.
Fukushima: le notizie sulla crisi nucleare a dicembre 2013, Backyard World.
Osservatorio sulla crisi nucleare a dicembre 2013, Backyard World.


Creative Commons License
Except where otherwise noted, this work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported License.

Annunci

Informazioni su Fabrice de Nola

Fabrice de Nola is an Italian-Belgian artist. His research and practice focuses in the fields of information architecture and augmented reality integrated to painting, site-specific installations, and cultural heritage sites.
Questa voce è stata pubblicata in Immagini (2013) e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...